Servizio ai viaggiatori ESTA
vi assistiamo con la vostra domanda ESTA:
https://www.esta-usa-visto.it

hard landing • Allacciate le cinture e preparatevi a brusco atterraggio: Alitalia è tornata al suo destino di compagnia aerea decotta

Mercoledì 21 dicembre 2016 | 22:23
The Gulf airline Etihad plans to remove James Hogan as its chief executive after a failed spree of acquisitions in Europe

Etihad's succession planning for when CEO James Hogan exits . . .

• Hard - hard landing • Allacciate le cinture e preparatevi a brusco atterraggio: Alitalia è tornata al suo destino di compagnia aerea decotta

A quanto pare “Lo scenario volge al peggio” raccontano fonti che hanno conoscenza del dossier della compagnia.

Pessimismo? No, basta seguire con attenzione l’impaginato globale.

Gli emiri stanno per licenziare James Hogan, numero uno di Etihad Airways, azionista al 49% di Alitalia.

Lo scrive il giornale economico tedesco Handelsblatt e la cronaca è quella di un film di Dario Argento,
- Profondo Rosso: Etihad nel 2011 ha comprato il 29% di Air Berlin, la compagnia aerea perde 447 milioni di euro ed è sull’orlo della bancarotta;

E ALITALIA ? Niente paura - Alitalia perderà solo 400 milioni di euro quest’anno ed è proiettata per un rosso di mezzo miliardo nel 2017;

/////// Gli investimenti di Etihad in Europa registrano una perdita di 2.5 miliardi di euro.

In gennaio 2017 la compagnia aerea di bandiera del Governo di Abu Dhabi premerà il tasto reset sull’intera strategia europea, il destino di Alitalia appare segnato: il Governo deve trovare un compratore.

La compagnia perde non 500 mila euro al giorno come dichiarato da alcuni suoi esponenti (Montezemolo) ma il doppio, 1 milion€ (uno milone euro). E i patrioti?
Muti sono.

La compagnia aerea doveva comprare nuovi aerei dalla Boeing ma ha deciso di rinviare l’acquisto alla luce delle prospettive del mercato;

Il profitto netto a metà del 2016 è crollato del 75%;

La strategia di spremere ricavi da HUB di Abu Dhabi ha il fiato corto, la tecnologia sta rendendo gli aerei sempre più efficienti e le compagnie aeree sui voli di lungo raggio stanno cominciando a saltare lo stop negli Emirati: Qantas ha annunciato - nei giorni scorsi - collegamento diretto tra Perth, Australia, e Londra, senza scalo. Bye bye, desert sands.

- Un urlo sale dalla trincea. Patrioti, dove siete?
Mi piace · Rispondi · 5 h
Dario Nicola Scuto

- Dario Nicola Scuto: Analisi schietta e corrispondente quella dell'esimio collega Giuseppe Mazza, alla quale aggiungo che cio' che nuoce principalmente all'intero gruppo, e' la consueta politica commerciale schizofrenica, della quale non siamo mai riusciti a liberarci. Potrei scriverci un libro.

Mi piace · Rispondi · 4 h
Riccobono Milena

Riccobono Milena: La dovrebbero lasciar fallire una buona volta
Mi piace · Rispondi · 4 h

Moreno Bonavigo
Moreno Bonavigo: Prima arriverà uno come Bollorè.....con AF che acquisirà a molto meno di quello che serviva anni fa.
Arriveranno scioperi e scioperi, ma il destino è oltralpe

Giuseppe Mazza - agente di viaggio.



Commenti

Devi eseguire il Login per pubblicare un commento

Questo articolo non e' ancora stato commentato

Lascia un commento!