Servizio ai viaggiatori ESTA
vi assistiamo con la vostra domanda ESTA:
https://www.esta-usa-visto.it

Montalbano e non solo: è boom del turismo internazionale nella Sicilia del Sud Est

Sabato 15 ottobre 2016 | 14:39
Montalbano e non solo: è boom del turismo internazionale nella Sicilia del Sud Est

Gli arrivi internazionali sono aumentati del 60% negli ultimi 5 anni.

E ora il il Distretto turistico degli Iblei vara la Carta di valorizzazione del territorio

RIMINI 15 OTTOBRE 2016 - • Rimini intern Tourism Fair • la Sicilia che funziona Distretto turistico degli Iblei
District in expo Rimiini 13-15 Oct

il Distretto turistico degli Iblei in ambito della propria attività di promozione dello sviluppo turistico - partecipa a Fiera Turismo intern TTG di RIMINI - principale marketplace del turismo B2B in Italia, in programma fino a SABATO 15 ottobre 2016.

//////////// IL MERCATO TURISTICO IN AREA MEDITERRANEA

– Preoccupati per la loro sicurezza, i turisti internazionali in cerca di mare abbandonano le località più a rischio e scelgono il Sud Europa.

L’indebolimento di altre aree concorrenti, dalla Turchia all’Egitto, a causa dell’instabilità politica e del terrorismo, che non di rado colpisce strutture turistiche e aeroporti, sta determinando una riarticolazione dei flussi turistici nelle aree a noi vicine, spostando nell’Europa meridionale quote rilevanti del turismo mondiale. Già tra il 2010 e il 2015 alcuni Paesi hanno registrato cali vistosi degli arrivi: Egitto -35,0%, Tunisia -31,5%, Algeria -17,4%, Giordania -10,6%. Il 2016 ha visto peggiorare il quadro, anche perché la Turchia, che negli ultimi anni aveva visto crescere notevolmente i flussi turistici, ora risente fortemente del clima di insicurezza a causa dell’attentato all’aeroporto Atatürke e del colpo di Stato.


A beneficiarne sono stati finora soprattutto la Grecia (+57,3% di arrivi tra il 2010 e il 2015), la Croazia (+39,2%) e la Spagna (+29,5%). Ma anche il nostro Paese registra una crescente attenzione del turismo internazionale: +25,7% di arrivi negli ultimi cinque anni (hanno superato la soglia dei 55 milioni) e +16,6% le presenze, il numero di notti trascorse dai turisti (oltre 190 milioni). In testa ci sono sempre i tedeschi, che rappresentano da soli il 19,7% degli arrivi e il 27,7% delle presenze.

Seguono gli statunitensi (8,2% degli arrivi), i francesi (7,9%) e, al quarto posto, i cinesi (6,1%), che nel 2015 hanno superato poco i turisti britannici.

Il Sud della Sicilia, e in particolare l’area Iblea (Ragusa, Modica, Scicli, ecc.), è protagonista negli ultimi anni di un fenomeno di progressiva scoperta da parte di un’utenza nazionale e internazionale. Il turismo si sta rivelando sempre di più una fondamentale risorsa per l’economia di questo territorio, che ha enormi potenzialità.

Lo scorso anno nella sola provincia di Ragusa si sono registrati circa 220mila arrivi (+15% rispetto al 2010) e 850mila presenze (+16%), per una permanenza media pari a 3,9 giorni. Dietro ai valori medi si segnala un vero e proprio boom della clientela internazionale: tra il 2010 e il 2015 gli arrivi degli stranieri sono cresciuti del 60% e le presenze turistiche di quasi il 59%. Di contro, i dati relativi alla clientela italiana sono in calo: -2% gli arrivi, -7% le presenze. Di conseguenza, la quota del turismo internazionale è passata in soli cinque anni dal 35% al 48% del totale.
Un dato, quello relativo agli stranieri, che potrebbe ulteriormente crescere nei prossimi anni, visto che oggi il Mezzogiorno italiano gode di una straordinaria opportunità legata alla fase internazionale. In questo contesto, è di grande rilevanza l’accordo che il il Distretto turistico degli Iblei ha chiuso con Thomas Cook Group, uno dei più importanti tour operator del mondo, per la scelta della destinazione Ragusa con charter su Comiso. Opportunità straordinaria, anche in termini occupazionali, per un territorio che in questa fase soffre della crisi del comparto agricolo.

Fino a 20 anni fa meno noto di altre mete classiche della Sicilia a causa del suo posizionamento periferico, questo territorio deve il recente successo al concorso di fattori esterni e interni. La sua notorietà è cresciuta enormemente per merito della fiction televisiva del Commissario Montalbano, basata sui romanzi di Andrea Camilleri e in onda sulla Rai dal 1999.

Le location della fiction tv girata in gran parte nel RAGUSANO sono diventate meta di numerosi cine-turisti che desiderano visitare i luoghi scelti per le ambientazioni. Il fenomeno ha ormai carattere internazionale, dato che la serie tv Montalbano è stata trasmessa in oltre 20 Paesi, tra i quali UK, Francia, Germania, Russia e Usa.

Il caso di Montalbano dimostra come Cinema e TV possano diventare un potente strumento di marketing territoriale.
L’altro straordinario fattore di promozione esterna è stato inserire nel 2002 da parte dell’Unesco delle Città Barocche del sud-est della Sicilia (tra le quali Caltagirone, Modica, Noto, Palazzolo Acreide, Ragusa e Scicli) nella lista dei siti patrimonio dell’Umanità.

Ma dietro la notorietà ci sono i fattori attrattivi del territorio: il mare e le sue coste, i centri storici e il patrimonio storico-artistico, l’enogastronomia e i prodotti tipici legati a un’agricoltura d’eccellenza. In questi anni la capacità ricettiva, estremamente variegata dal punto di vista tipologico, è cresciuta in termini quantitativi: oggi si contano 21mila posti letto (erano meno di 17mila nel 2010).

Ma la crescita dell’offerta, specie di quella micro e non organizzata, non basta se non è accompagnata da un rafforzamento della Qualità dei servizi e della capacità di orientare il turista nella scoperta delle risorse e delle attrattive del territorio.

Va in questa direzione l’impegno che vede protagonista il Distretto turistico degli Iblei che riunisce enti locali e operatori di un territorio vasto, fatto di ben 19 Comuni, tra cui Ragusa, Scicli, Vittoria e Modica.

Oltre a essere impegnato nella promozione nazionale e internazionale del turismo ibleo (ad esempio attraverso la partecipazione a fiere come la fiera Ttg di Rimini, in corso dal 13 al 15 ottobre), il Distretto ha deciso di avviare un processo innovativo di cooperazione con tutti gli operatori dell’area vasta con la creazione di una Carta di valorizzazione del territorio.

La Carta consiste in una serie di standard di qualità dei servizi che gli operatori del territorio aderenti si impegnano a rispettare e a garantire al turista, in modo da riuscire, nei diversi ambiti dell’esperienza territoriale (dallo stabilimento balneare al museo, dal ristorante all’hotel) ad elevare il livello dell’offerta. I soggetti che decideranno volontariamente di aderire a questo processo e farsi certificare potranno fregiarsi di un marchio di qualità certificato che sarà garanzia per il turista e stimolo per il territorio.

Read MORE

www.distrettoiblei.it





Commenti

Devi eseguire il Login per pubblicare un commento

Questo articolo non e' ancora stato commentato

Lascia un commento!