Servizio ai viaggiatori ESTA
vi assistiamo con la vostra domanda ESTA:
https://www.esta-usa-visto.it

Parma Jazz Festival 5 / 8 May 2010

Venerdì 22 febbraio 2013 | 22:05
Parma Jazz Festival 5 / 8 May 2010

Parma ospita da Mercoledi 5 a Sabato 8 maggio 2010 la 1a edizione del Parma Jazz Festival.

Festival, org. da Ass. Cultura Comune di Parma, con direzione artistica di Antonio Ciacca, pianista e Direttore della Programmazione Jazz c/o il Lincoln Center, presenta un programma interamente dedicato a Duke Ellington figura chiave non solo del Jazz ma di buona parte della musica del Novecento.

Mercoledi 5 maggio all’Auditorium Paganini, Antonio Ciacca, direttore artistico del Festival, presenta il suo ultimo lavoro discografico Lagos Blues con la sua working band affiancata per l’occasione da Joe Locke al vibrafono.
A seguire, nella stessa serata, Dianne Reeves, una delle cantanti più versatili, si confronta con repertori diversi, di riprendere in chiave personale la tradizione del canto jazz, così come di cimentarsi con il rhythm’n’blues e il pop più sofisticato, facendo di ogni sua esecuzione un capolavoro.

Una vera esclusiva per l’Italia. Si presenta al Parma Jazz Festival con i suoi collaboratori Romero Lubambo (chitarra), Peter Martin (piano), Reuben Rogers (contrabbasso), Greg Hutchinson (batteria).

Il programma di mercoledì 5 maggio prosegue nella Sala Verdi, Starhotels Du Parc, con l’Ohio Youth Jazz Orchestra, diretta da Todd Stoll e composta dai migliori allievi delle scuole superiori dell’Ohio, che presenta il repertorio di Duke Ellington, dagli anni ‘30 agli anni ‘70.
A chiudere la serata sempre nella Sala Verdi, Starhotels Du Parc il quintetto del chitarrista Lucio Ferrara con Michael Mwenso, trombone, Spike Wilner piano, Patrick Boman, contrabbasso e Nicola Angelucci, batteria.

Giovedi 6 maggio, all’Auditorium Paganini, uno dei musicisti del jazz pre-bebop Ken Peplowski Quartet con ospite Bucky Pizzarelli, ci fa fare un viaggio nella Swing Era quando il jazz si ballava.
A seguire il trio di Marcus Roberts, con la sua filosofia legata all’improvvisazione, al profondo rispetto per i grandi maestri del jazz e della musica classica, che gli permette di fondere tutti gli stili della grande musica di ogni epoca con un talento e un’inventiva straordinaria.
La serata prosegue nella Sala Verdi, Starhotels Du Parc, con l’Ohio Youth Jazz Orchestra, diretta da Todd Stoll e il quintetto del chitarrista Lucio Ferrara.

Venerdi 7 maggio all’Auditorium del Carmine masterclass dedicata allo Stride Piano, diretta da Spike Wilner che ha appena pubblicato un libro di trascrizioni di James P. Johnson il creatore dello stride piano.

All’Auditorium Paganini, Wess Anderson, abituale collaboratore di Wynton Marsalis e membro della Jazz Lincoln Center Orchestra, con il suo quintetto, presenta un programma dedicato alla musica di Charlie Parker.

A seguire la Woody Herman Orchestra, diretta da Frank Tiberi. Orchestra che si basa su un gruppo di grandi solisti incoraggiati ad esprimere se stessi, attraverso un repertorio di oltre 100 arrangiamenti, ha inciso più di 300 album. Consueta conclusione di serata nella Sala Verdi, Starhotels Du Parc, con l’Ohio Youth Jazz Orchestra, diretta da Todd Stoll e il quintetto del chitarrista Lucio Ferrara.

Sabato 8 maggio, masterclass di Frank Tiberi sull’ eredità di John Coltrane - Auditorium del Carmine, nella stessa sede proiezione, in ANTEPRIMA italiana di Chops - un film-documentario sull’insegnamento del Jazz in America, al quale segue il concerto della Ohio Youth Jazz Orchestra.

Al Teatro delle Briciole, lo Standards Trio di Kurt Rosenwinkel, da diversi anni considerato il chitarrista più importante della sua generazione, spesso accostato a quella di innovatori dello strumento quali Pat Metheny, John Scofield, John Abercrombie e Bill Frisell.
Accanto a lui in questo Trio, il contrabbassista Eric Revis, musicista che ha collaborato tra gli altri con Betty Carter, Billy Harper e Brandford Marsalis, e dal solido Rodney Green alla batteria, che ha collaborato tra gli altri con Mulgrew Miller, Seamus Blake e Diana Krall
A seguire, sempre al Teatro delle Briciole, The Four Brothers.
The Four Brothers è il nome del 2° gruppo costituito da Whoody Herman nel 1947. Il nome deriva dalla canzone registrata il 27 Dicembre 1947 per la Columbia Records e scritta da Jimmy Giuffre: «Il brano è basato sul giro di Jeepers Creepers e mette in evidenza la sessione sassofoni - 3 tenori e un baritono...». Il repertorio del gruppo presenta arrangiamenti dell’era be-bop.

Il Festival si conclude in Sala Verdi,
Starhotels Du Parc, con l’Ohio Youth Jazz Orchestra,
diretta da Todd Stoll e il quintetto del chitarrista Lucio Ferrara.

INFO E COSTI - Biglietti in vendita presso: Teatro Regio di Parma
Biglietteria on-line www.teatroregioparma.org
Biglietteria del Teatro Regio di Parma Via Garibaldi 16/A – Tel. 0521.039399
Orari: Martedì-venerdì h 10-14; 17-19; Sabato: h 10-13; 16-19. Chiusa domenica, lunedì e festivi.


www.teatroregioparma.org


Commenti

Devi eseguire il Login per pubblicare un commento

Questo articolo non e' ancora stato commentato

Lascia un commento!