Servizio ai viaggiatori ESTA
vi assistiamo con la vostra domanda ESTA:
https://www.esta-usa-visto.it

Palermo, 13 Apr 2010 • Confcommercio / Regione Sicilia intesa raggiunta sulla Finanziaria

Martedì 13 aprile 2010 | 00:00


Palermo, 13 Apr 2010 • La Finanziaria regionale dovrà prevedere una riserva delle risorse per agevolazioni e investimenti in favore delle imprese che hanno sede legale in Sicilia.

• Una delle intese più importanti tra quelle conseguite dalla Giunta regionale di Confcommercio Sicilia, riunita oggi a Palermo, con l'Assessore regionale all'Economia, Michele Cimino.

• I fondi regionali incentiveranno con priorità le aziende siciliane che versano le imposte nell'Isola.
Insomma non si sosterranno, con finanziamenti o agevolazioni della Regione, che pagano le tasse nel resto d'Italia. Le risorse non sono moltissime e quindi andranno ripartire in modo più oculato per sostenere il tessuto economico e produttivo siciliano.

• Piena condivisione di intenti ha caratterizzato, dunque, l'ultimo confronto prima della trasmissione all'Assemblea regionale del bilancio. In gran parte gli emendamenti proposti nel corso dei tavoli che si sono susseguiti in queste settimane, sono stati già accolti dall'assessore all'Economia, che li ha fatti propri e li ha inseriti nella Finanziaria, che andrà in discussione già da domani Mercoledi 14 Apr 2010.

• Tra le altre richieste è stata previsto il reinserimento della norma che consente il ricorso a fornitori di beni e servizi sotto la soglia di 100 mila euro.

prevedendo che istituti, aziende, agenzie, consorzi, organismi e altri enti regionali debbano acquistare da Consip per i importi superiori.

• Sono stati previsti interventi sotto forma di defiscalizzazione per spese di acquisto libri e corredi scolastici, per rivitalizzare il mercato, stimolare la formazione dei giovani e favorire la diffusione della Cultura.

Tra le altre iniziative figurano una rimodulazione delle risorse di Agenda 2007-2013; modifiche sostanziali sul credito di imposta per le aziende commerciali, prevedendo una più mirata ripartizione delle risorse annualmente stanziate ( una riserva del 30% alle imprese manifatturiere e il 20% alle aziende commerciali);

ulteriori stanziamenti destinati alla patrimonializzazione dei Confidi; potenziamento della rete dei Confidi esistente;

una delibera di Giunta per la sospensione dei debiti per le piccole e medie imprese verso il sistema creditizio, con una moratoria che riguardi tutta la finanza agevolata a valere su risorse regionali.

• “Abbiamo apprezzato il metodo del confronto - ha commentato il presidente di Confcommercio Sicilia, Pietro Agen - perché ci ha consentito di indirizzare la Regione verso iniziative che potranno realmente rappresentare un concreto aiuto per il sistema delle imprese.

Abbiamo accusato sempre la politica di non voler tenere conto delle esigenze rappresentate dalle associazioni di categoria;
• Per la prima volta abbiamo avuto modo, invece, di incidere in modo significativo sulle scelte adottate, evitando che si optasse per incentivi a pioggia, che non risolvono i problemi alla radice.

In questo caso, invece, abbiamo proposto degli interventi che potranno dare delle risposte a medio e lungo termine e che hanno un loro fondamento sulle esigenze rappresentate dalle stesse imprese”.

• Piero Agen ha anche chiesto alla Regione di attivare al più presto un tavolo di confronto con le banche perché siano superate alcune incomprensioni che rischiano di mettere in difficoltà una gran parte di imprese del settore.

• All'incontro con l'Assessore è seguita una riunione dell''Unione delle Ass. delle Pmi siciliane, istituita nel dicembre scorso, tra Confcommercio Sicilia, Confesercenti Sicilia, Cna Sicilia, Confartigianato Sicilia, Casa, Legacooperative e Confcooperative.

Tra le priorita' dell'Unione, la riduzione della pressione fiscale e previdenziale, nuove politiche del credito, snellimento delle procedure burocratiche, rimodulazione della programmazione comunitaria a favore delle pmi, rilancio del metodo della concertazione.





Commenti

Devi eseguire il Login per pubblicare un commento

Questo articolo non e' ancora stato commentato

Lascia un commento!