Servizio ai viaggiatori ESTA
vi assistiamo con la vostra domanda ESTA:
https://www.esta-usa-visto.it

Libia•messaggio del Premier della Repubblica di Turchia Recep Tayyip Erdogan indirizzata alla stampa estera attraverso Ambasciata Italiana di Roma ai Consoli onorari della Penisola •12 Apr 2011

Sabato 16 aprile 2011 | 00:00
Libia•messaggio del Premier della Repubblica di Turchia Recep Tayyip Erdogan indirizzata alla stampa estera attraverso Ambasciata Italiana di Roma ai Consoli onorari della Penisola •12 Apr 2011

/////// Recenti Avvenimenti in Libia & Operazioni Umanitarie ///////////

Messaggio integrale del Ministro della Repubblica di Turchia, Recep Tayyip Erdogan @ organi di stampa internazionali - Comunicazioni e Documentazione -

• Prima di tutto, ho bisogno di esprimere la profonda preoccupazione e dolore, con la quale stiamo seguendo il dolore e la difficile situazione che i nostri fratelli libici devono sopportare durante questi momenti difficili.

• Come ho sottolineato in tante occasioni, le popolazioni turche e libiche sono legati gli uni agli altri con forti legami di fratellanza, oltre al fatto che i nostri Paesi condividono una comune storia e cultura.

• Alla luce dei recenti sviluppi in Libia, la Turchia ha reagito fin dall'inizio nel modo più sensibile ed ha visto la situazione attraverso una prospettiva umanitaria, nonché nel contesto di legami di fratellanza.

• Proprio la Turchia non è mai rimasta indifferente a qualsiasi problema nella propria Regione e nel mondo, non ha mai chiuso gli occhi davanti alle difficoltà dei suoi fratelli ed ha cercato di mostrare un atteggiamento responsabile che le si addice.
La Turchia non ha mai adottato un approccio attendista nel vedere quanto si è venuto a creare sin dall' inizio GIOVEDI 17 febbraio 2011 in Libia. Come richiesto dai principi e valori in cui crediamo, la nostra posizione si è concentrata sulla difesa dei diritti umani e la giustizia, piuttosto che perseguire l'interesse personale, e abbiamo cercato di mostrare un atteggiamento costruttivo e conciliante, mantenere il dialogo con tutte le parti.

• Scopo fondamentale della nostra politica nei confronti della Libia è la creazione delle condizioni necessarie per assicurare una transizione verso la democrazia costituzionale in linea con le legittime richieste del popolo e la preservazione dell'integrità territoriale e della sovranità della Libia.

• In questo quadro, è importante che gli attacchi contro il Popolo si fermano e che la transizione si concluda in linea con il volere generale del Popolo.

Pertanto, fin dall'inizio, abbiamo cercato di prendere tutte le misure necessarie, senza alcuna esitazione.

• Desidero sottolineare ancora una volta che nel fare questo, portiamo senza un'agenda nascosta. Il nostro ordine del giorno esclusivamente ha lo scopo di garantire l'unità e il benessere della Libia.

• Per noi, una goccia di sangue libico è più prezioso di miliardi di dollari, di quanto valgono i pozzi di petrolio.

Ovunque essi si trovino in Libia, la vita ed il diritto di tutti e di ognuno dei nostri fratelli libici sono soprattutto le considerazioni di interesse. Questo è il modo in cui dovrebbe avvenire.

• Diritti umani e giustizia non sono favori di volontariato che possano essere concessi a persone. Questi sono valori sacri che ogni essere umano ha diritto. Essi non possono essere ignorate né possono essere soppressi da motivazioni politiche.

Così come non possiamo tollerare le violazioni dei diritti fondamentali dell'uomo o sopportare la soppressione della giustizia, non possiamo restare in silenzio di fronte al degrado e la perdita di vite umane.

Tutti i nostri sforzi sono volti ad orientare il processo in modo tale da servire il presupposto del benessere del popolo libico.

• In questo contesto lottiamo, giorno e notte, per fermare lo spargimento di sangue in Libia, non risparmiando alcuno sforzo per dare una mano ai nostri fratelli libici che si trovano in questa situazione

• Recentemente, abbiamo inviato 1 traghetto da Ankara, trasformato in nave ospedale, al fine di curare i nostri fratelli libici feriti negli intensi combattimenti a Misurata. La nostra nave, che ha successivamente proseguito per Bengasi, al fine di raccogliere anche li i feriti, è rientrata a Cesme (Turchia ) con 475 persone, tra cui 321 feriti.

Tale operazione è stata effettuata con l'uso delle nostre unità militari e civili e sotto immensi rischi per la sicurezza che nessun altro avrebbe potuto facilmente prendere. Noi continuiamo a curare i feriti nei nostri ospedali. Fino a quando non sono pienamente recuperati, saranno nostri ospiti. Noi continueremo con queste operazioni di aiuto in futuro.

A questo proposito, vogliamo che le operazione Nato debbano essere condotte in modo efficiente, in linea con le direttive elaborate dalle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ed accettate all'unanimità dal Consiglio della NATO. D'altra parte, noi partecipiamo attivamente all'attuazione l'embargo sulle armi, nonché alla fornitura di aiuti umanitari per il popolo libico. A seguito della costituzione di un vero cessate il fuoco in Libia, il processo di transizione politica che dovrà portare alla democrazia costituzionale dovrebbe essere avviato immediatamente. L'avvio di un processo politico che si riunirà alle legittime aspirazioni e le aspettative della gente sarà di grande importanza per il futuro della Libia. E nostro desiderio sincero che il popolo libico emerga da questa transizione senza ulteriori danni.

• Vorrei assicurare i miei fratelli di Bengasi che il fraterno popolo turco sente le Sue grida di giustizia e di libertà nel profondo del proprio cuore e mostra grande sensibilità per la fine delle Vostre lamentele e il ripristino di nuove aspettative e migliori cambiamenti .
Fin dall'inizio, abbiamo fortemente criticato gli interventi nei confronti delle persone che chiedono i loro diritti e la giustizia. Abbiamo cercato con sincerità contribuire verso il superamento delle difficoltà che stanno attraversando. Continueremo a sostenere le vostre legittime richieste, cercando di prevenire le ingiustizie a cui siete esposti.

• Sono una spiacevole testimonianza oggi le campagne diffamatorie di alcuni centri di potere contro la Turchia, che era una volta rimasta in silenzio di fronte a drammi umanitari nella regione ed aveva a lungo considerato il popolo libico indegno della democrazia. Siamo a conoscenza dell'identità di questi centri di potere che stanno dietro a queste campagne. Li seguiamo con attenzione e prendiamo nota delle loro azioni. Credo fermamente e non do alcun credito a queste attività di propaganda premeditata contro i vostri fratelli turchi. In particolare, desidero sottolineare le accuse infondate che sostenevano che abbiamo cercato di impedire il funzionamento della NATO o di limitare il suo mandato. Questa è stata solo propaganda oscura a cui non diamo alcun peso

Si deve sapere che il Popolo Turco è sempre stato dalla parte corretta del diritto.

Vorrei inoltre assicurare i miei fratelli di Tripoli che la Turchia dà grande importanza alla cessazione di ogni ostilità, l'instaurazione della pace interna e l'unità nazionale. L'integrità territoriale e la sovranità deve essere preservata ad ogni costo. Il vostro atteggiamento è di grande importanza per porre fine allo spargimento di sangue. Io credo che si dovrebbe dire STOP a questo trend negativo, ispirandosi ai valori della nostra civiltà.

• Ho una richiesta da parte dei miei fratelli da Tripoli, Bengasi, Misurata, Tobruk, Ecdebiya, Zintan, Zawiya, Sebha e Brega: Essere una e unita, rendendo omaggio allo spirito di Ömer Muhtar, il Leader simbolico della Libia, che dobbiamo tenere in grande stima.

Vorrei invitare l'amministrazione libica, come ho detto di persona fin dall'inizio, è giunto il momento per voi e dietro la responsabilità storica, al fine di aprire la strada a una transizione verso la democrazia costituzionale, permettendo alle persone di essere in grado di eleggere i loro capi con il loro libero arbitrio. .

• di vitale importanza per il benessere del Vostro Paese che si dia risposta positiva agli appelli del vostro popolo tutto e della comunità internazionale.

Questi appelli e relativi provvedimenti sono necessari e da prendere con la massima urgenza

Stiamo trasmettendo tali messaggi a tutti i gruppi e partiti in Libia. A questo proposito, abbiamo inviato i messaggi necessari al ministro degli Esteri libico, incaricando Abdulati El-Ubeydi, che ha visitato Ankara come inviato speciale di Gheddafi ed abbiamo anche ricevuto un messaggio da parte sua

• Ho inviato l' ambasciatore Ömür ?ölendil a Bengasi come mio inviato speciale, con il mandato di promuovere il dialogo con i nostri fratelli a Bengasi ed identificare le aree di cooperazione, al fine di contribuire al benessere del popolo libico.

• Il mio inviato speciale ha avuto colloqui fruttuosi con Mustafa Abdülcelil, capo del Consiglio nazionale di transizione della Libia e gli altri membri del Consiglio. Nel mio messaggio, ho sottolineato che il fratello popolo turco sarà sempre al loro fianco e li ho invitati a venire in Turchia.

Come risultato di questi contatti, abbiamo iniziato a lavorare su una tabella di marcia che prevede un processo pacifico di transizione e protegge l'integrità territoriale e la sovranità della Libia. I tre elementi di questa tabella di marcia sono i seguenti:
• 1. Un cessate il fuoco effettivo che dovrebbe essere applicato immediatamente, mentre le forze di affiliati con Gheddafi dovrebbe togliere l'assedio che impongono su alcune città e rientrare.

• 2. Secure Zone umanitarie dovrebbero essere istituite per fornire aiuti umanitari senza ostacoli a tutti i nostri fratelli libici indiscriminatamente.

• 3. Un cambiamento globale democratico e processo di trasformazione che prenda in considerazione gli interessi legittimi di tutte le persone libiche deve essere lanciato immediatamente e con urgenza. Questo processo dovrebbe mirare alla creazione di una democrazia costituzionale in cui le persone dovrebbero essere in grado di eleggere i loro capi con il loro libero arbitrio.

• In questo contesto, stiamo lavorando sui dettagli di questa tabella di marcia al fine di stabilire un cessate il fuoco effettivo in Libia e l'avvio di un processo di trasformazione politica. Continueremo i nostri contatti con le parti interessate al fine di mantenerci su questo piano il piu completo possibile.

• Abbiamo intenzione di condividere questo piano, che abbiamo sviluppato in consultazione con i membri principali della comunità internazionale, con i nostri partner, comprese le organizzazioni regionali e internazionali quali l'ONU, UE, Unione Africana, Lega degli Stati arabi e OIC, alla Libia Gruppo di contatto per una riunione che si terrà in Qatar.

Noi crediamo che H.E. Khatip, rappresentante speciale Nazioni Unite per la Libia dovrà svolgere un ruolo essenziale in tutti questi sforzi, contribuendo anche noi e con i nostri sforzi in stretta consultazione e cooperazione.

Il nostro Popolo sarà sempre fratello del Popolo Libico e collaborerà con i nostri fratelli libici per il futuro della Libia.

- • messaggio del primo Ministro della Repubblica di Turchia, Recep Tayyip Erdogan

• • • • • • • •
= = = = = =


- • Rocco Di Gangi - giornalista diplomatico - Direttore / Editore Immagine Sicilia - membro Associato
43307 The Chartered Institute of Journalists - London

• R.Digangi via F . Paolucci De Calboli 10
- 90141 PALERMO • 091.2510529
EMAIL: rdigangi@alice.it
Mobile 3494552926 - 3278415415
• • • • • • • • • • • • • •




• • • • • • • • • • • • •
BE THE FIRST TO KNOW ABOUT Top 100 fresh News • Chi in . who • Inside our
////// N 1 TOP 100 fresh News • website • WWW.SicilyDistrict.eu • Date
(apizzone@gmail.com)

• • • • • • • • • • • • •


TAGS: Ankara, Muammar Gheddafi, Khatip, Libia, Libyan Leader, Mustafa Abdülcelil,12 Apr 2011, Recep Tayyip Erdogan, sicilydistrict, Turchia

------------------------------
/////////// pdf - ENGLISH VERSION

Commenti

Devi eseguire il Login per pubblicare un commento

Questo articolo non e' ancora stato commentato

Lascia un commento!