Servizio ai viaggiatori ESTA
vi assistiamo con la vostra domanda ESTA:
https://www.esta-usa-visto.it

3 mostre al Museo delle Trame Mediterranee di Gibellina/Fondazione Orestiadi - fino al 28 febbraio 2010

Sabato 6 febbraio 2010 | 00:00
3 mostre al Museo delle Trame Mediterranee di Gibellina/Fondazione Orestiadi - fino al 28 febbraio 2010

La Fondazione Orestiadi, Istituto di Alta Cultura Onlus, espone, negli spazi del Baglio Di Stefano, la mostra “La SALERNIANA a GIBELLINA”, la donazione di Pino e Manlio Genovese della scultura “DORICO” del Maestro Rocco GENOVESE e “Omaggio a ETTORE SOTTSASS”, composizioni a totem in ceramica di Rossana CALECA Giacalone con decorazioni realizzate da Khaled Ben SLIMANE e Cecile Donato SOUPAMA.

La Salerniana a GIBELLINA (Trapani) fino a Domenica 28 Feb 2010

Atelier Del Baglio Di Stefano - mostra curata dal direttore artistico de La Salerniana, Michele Cossyro, propone 50 opere provenienti dalle oltre 150 che costituiscono la collezione della storica Associazione di Erice, ha nuova sede al Palazzo della Vicaria di Trapani.

Il percorso espositivo offre un significativo spaccato dell’Arte italiana contemporanea da Accardi a Anselmo, da Patella a Pisani, Sanfilippo, Scordia, Verna, Mambor, solo per citarne alcuni.

Le opere sono frutto delle donazioni degli artisti e in numerosi casi realizzate per La Salerniana.

L’ impegno profuso negli anni è testimoniato anche dalla presenza costante dei maggiori critici italiani, da Achille Bonito Oliva a Luciano Caramel, che ne hanno curato le varie esposizioni temporanee.
Questa mostra consolida una collaborazione durevole nel tempo tra la Fondazione Orestiadi di Gibellina e La Salerniana, frutto di una comunione di intenti nella promozione e divulgazione dell’arte contemporanea che rende la Sicilia parte attiva nel panorama culturale nazionale ed internazionale.

Rocco GENOVESE
DORICO, scultura in multistrato di obece, 1972 – cm.60×60x200 donazione Pino e Manlio GENOVESE
Granaio di Baglio DI STEFANO – Opera permanente

La Fondazione Orestiadi accresce ulteriormente la sua collezione di arte contemporanea grazie alla donazione di Pino e Manlio Genovese di una scultura del padre, il Maestro Rocco GENOVESE. L’opera del 1972 dal titolo “DORICO”- realizzata in multistrato di obece, inserita nella collezione permanente del Museo delle Trame Mediterranee, all’interno del Granaio del Baglio Di Stefano.
Rocco Genovese (Trapani, 1925 – Lavinio, 1981) studia architettura alla facoltà di Roma. Si inserisce nel gruppo “Origine”, dove la conoscenza con Alberto Burri e l’amicizia con Mannucci e Colla lo avvicinano sempre di più ai problemi dell’arte. Scrive Eva Di Stefano nel 1988: Personaggio un po’ defilato, Genovese non pratica l’audacia o la sorpresa, ma le sue opere possiedono un indubbio magnetismo e una loro necessità. Genovese si inserisce nel gruppo “Origine”, che, tra il 1949 e il 1956, conduce a Roma in prima linea la battaglia per un’arte non figurativa. Il postulato era quello di “esprimere all’origine l’emozione della vita nel mistero del suo svolgersi per identificare nell’arte odierna lo spirito umano che le corrisponde”. Il mistero allora, e la modernità, sono queste due coordinate a definire il campo operativo di Genovese, cioè quello di trovare il punto di intersezione tra l’insondabile svolgersi del tempo mitico e l’appartenenza al proprio tempo, l’esserci “qui ed ora”. Ed il problema sarà quello di coniugare il rigore di una costruzione modulare con la carica simbolica, in definitiva con l’allarmante presenza del “mistero”.
La forma privilegiata adesso è il cilindro, ma basta una flessione, un rigonfiamento, un’incurvatura che la colonna si tramuta in un corpo, una schiena, un ginocchio:c’è ora una tensione ostinata a decantare da qualsiasi sovrastruttura il simbolo dell’uomo per alludere, ancora e di nuovo, a un messaggio – mistero antico ed essenziale come le colonne di Selinunte del paesaggio della sua giovinezza.


IL MUSEO DELLE TRAME MEDITERRANEE SI ARRICCHISCE di altra donazione
Le opere di Rossana Giacalone CALECA, sono 2 composizione a totem, Omaggio a ETTORE SOTTSASS, realizzate sovrapponendo delle forme concave in ceramica smaltata e decorata; pezzi con andamento ascensionale che si offrono allo sguardo.
La decorazione delle composizioni è stata affidata a 2 artisti di fama internazionale, ospitati da Azienda Caleca Italia per il progetto culturale “Artisti nel Piatto”, che hanno lavorato alla creazione di opere in ceramica da destinare al MACC - Museo Arte e Ceramica Contemporanea - Umberto Caleca della Città di Patti di cui curatrice è la stessa Giacalone Caleca.
Gli artisti sono Khaled Ben SLIMANE e Cecile Donato SOUPAMA. Slimane, tunisino con formazione in Spagna ed esperienze in Giappone, è considerato uno dei più grandi ceramisti contemporanei. Le sue opere, esposte in tutto il mondo, sono oggi acquisite da istituzioni tra le più importanti,tra queste il British Museum. Le opere di Khaled sono espressione di una perfetta fusione tra Oriente e Occidente ed esprimono con una calligrafia ripetitiva amore per la bellezza, la libertà e l’ assoluto.
La SOUPAMA, francese di origine algerina, ha trascorso gran parte della sua vita all’estero e ha completato la sua formazione artistica all’Ecole Des Beaux Arts d’Aix en Provence. Il gusto per l’altrove e l’incontro con le altre lingue, il lungo soggiorno in Cina, nutrono il suo percorso con colori, segni, suoni e timbri.

INFO: Museo delle Trame Mediterranee - Baglio Di Stefano, Gibellina (Trapani)
Tel. 0924/67844 Fax 0924/67855 info@orestiadi.it , Elena Andolfi

Commenti

Devi eseguire il Login per pubblicare un commento

Questo articolo non e' ancora stato commentato

Lascia un commento!